• Lifestyle
  • Perchè visitare la mostra Narami a Samugheo

Perchè visitare la mostra Narami a Samugheo

Sabato 29 giugno, in occasione dell'inaugurazione della mostra "NARAMI - Antologica del tappeto sardo" esposta al MURATS Museo Arte Tessile Sarda di Samugheo e visitabile fino al 29 settembre 2019, ho viaggiato lungo fili d'ordito di lino e cotone, fra trame di lana, tra pibiones colorati e disegni impeccabili. Un viaggio che mi ha portato in giro per la Sardegna e mi ha fatto scoprire un nuovo mondo di cui poco conoscevo. E, soprattutto, mi ha dato modo di rispondere alla domanda che ti stai ponendo: perchè visitare la mostra Narami a Samugheo?

VISITARE LA MOSTRA NARAMI - PER SCOPRIRE LA SARDEGNA

Perchè scoprirai che la Sardegna riesce a raccontarsi in silenzio anche attraverso filati preziosi e trame intricate e non è un caso che lo faccia proprio a Samugheo, capitale sarda dell’artigianato tessile. Qui scoprirai la storia del tappeto in Sardegna e, allo stesso tempo, conoscerai la storia della Sardegna attraverso i tappeti, perdendoti fra gli intrecci di tessuto dei 70 esemplari di manufatti della Collezione ex I.S.O.L.A, dagli anni'50 ai primi anni del 2000, provenienti da oltre 40 centri di produzione tessile che hanno, o hanno avuto, una storia importante per la società e l’economia del territorio, esposti nelle sale del museo alla periferia del centro in provincia di Oristano ma porta della Barbagia.

Scorci dalla mostra Narami al Murats SamugheoScorci dalla mostra Narami al Murats Samugheo

Ti renderai conto di come quest'Isola sia davvero un piccolo continente: ogni territorio ha il suo motivo decorativo e dentro di esso si trovano le mille storie che contraddistinguono questo o quel paese, storie che si raccontano attraverso motivi geometrici (prerogativa del tappeto sardo), floreali, attraverso figure animali e mitologiche.

VISITARE LA MOSTRA NARAMI - PER NON DIMENTICARE

La mostra è a cura di Baingio Cuccu, direttore attento che con premura mi ha accompagnato e narrato (il termine sardo "narami" significa proprio raccontami) le differenze e le somiglianze dei manufatti tessili appartenenti alle varie zone della Sardegna, mi ha svelato quanto sia profondo il legame fra storia, tradizione e artigianato e quanto sia importante, soprattutto, non perdere la memoria, tramandare, far conoscere ed evitare che tutto ciò diventi un lontano ricordo.

Baingio Cuccu - Direttore Murats SamugheoBaingio Cuccu - Direttore Murats Samugheo

Un po' come è nato tutto questo: la madre che insegna alla figlia a tessere, fra le mura di casa, fin da piccola, trasmettendo il suo sapere e la sua fantasia che sarebbero poi diventate fondamenta materiale del proprio corredo fino a che una figlia non sarebbe nata per continuare a rendere eterna l'arte della tessitura. Lo dovreste conoscere Baingio Cuccu, altro valido motivo per visitare la mostra Narami, dovreste perdervi nella sua passione per qualche ora.

VISITARE LA MOSTRA NARAMI - PER SCAVARE NELLA STORIA DELLA SARDEGNA

Perchè quel "qualcosa" di più profondo del nostro mare di cui tanto noi sardi parliamo e per il quale tanto ci battiamo è proprio qui, è anche qui. Un progetto intenso quello di Baingio Cuccu e del Murats, condiviso con il Comune di Samugheo, La Fondazione Sardegna e gli Assessorati Regionali alla Cultura, Artigianato ed Enti Locali della Regione Sardegna, a conferma dell'importanza che assume nella storia dell'Isola l'artigianalità che non è mai fine a se stessa.

Dettagli mostra Narami San TeodoroDettagli mostra Narami Samugheo

Visitare la mostra Narami per scavare nelle abilità umane che contraddistinguono la Sardegna nel mondo, per rispolverare radici antiche, per conoscere i segreti di un'Isola custoditi fra i fili di lino e cotone, ora sotto gli occhi di tutti nei ghirigori degli arazzi. E per capire come tutto in Sardegna sia un pezzo di un puzzle, di un gigantesco puzzle dove tutto si incastra alla perfezione. I pastori, le pecore, la tosatura, la lana, la filatura ed infine eccoli i tappeti.  

VISITARE LA MOSTRA NARAMI - PER APPREZZARE L'ARTE DENTRO UN TAPPETO

Un tappeto è pur sempre un pezzo pregiato all'interno delle case, dona quel tocco in più di eleganza e stile ad un salone, ad una camera, ad un bagno. E' un po' come un quadro, è un vero e proprio pezzo d'arte e passeggiando fra gli arazzi e i grandi tappeti esposti in occasione della mostra temporanea Narami, ti imbatterai anche nella sezione dedicata alle prime collaborazioni tra gli artisti del calibro di Maria Lai, Costantino Nivola, Mauro Manca, Eugenio Tavolara, Ubaldo Baldas e Aldo Contini e le grandi maestre dell'artigianato tessile isolano. 

I tappeti alla mostra NaramiI tappeti alla mostra Narami

Visitare la mostra Narami diventa un viaggio dentro l'arte sarda, da sempre fatta di fresche sperimentazioni e tradizioni profonde, dentro la quale i grandi nomi è come se aiutassero a mettere in luce qualcosa che, sebbene sia celebre in tutto il mondo, a volte stenta ad essere conosciuta nella propria Terra.

VISITARE LA MOSTRA NARAMI - PER SCOPRIRE COME NASCE UN TAPPETO

Perchè non immagineresti mai il lavoro che c'è dietro un piccolo tappeto, come nasce, quanto tempo occorre per confezionarlo. Le tecniche di tessitura in Sardegna sono numerose e, durante la mostra Narami potrai scoprirne le differenze e capirne gli intrecci. Quella a grani, a pibiones che in sardo significa acini d'uva, nome che deriva dai piccoli anelli di filato che sporgono dalla superficie del tessuto, è la tecnica di tessitura più utilizzata a Samugheo. Il grano-pibione è creato da un filo di trama supplementare, detto tramone, che dopo essere stato fatto entrare nel passo viene alzato con le dita; facendolo passare tra due fili d'ordito vicini, viene fatto girare attorno ad una sottile bacchetta metallica che formerà un anellino.

Coperta - Tecnica a PibionesCoperta - Tecnica a Pibiones

Fatto ciò su tutta la riga, il tramone viene bloccato con la battitura di qualche riga della trama di fondo e la bacchetta viene sfilata. Alzando il filo a formare gli anelli si crea il disegno, precedentemente abbozzato su un foglio quadrettato, la particolarità è che più il pibiones è piccolo, più il tappeto è pregiato. Ogni tappeto ha la sua tecnica, ogni tecnica la sua storia.

A me è piaciuto molto imparare questi dettagli, vedere quanto belli sono i tappeti e quanto nel tempo siano rimasti incorrotti, ben ancorati alla tradizione ma con quel briciolo di innovazione, e sono andata via dal Murats estasiata, per la bellezza delle opere esposte e per tutto ciò che di nuovo ho scoperto. Vorrei potervi raccontare di più ma non voglio rovinarvi la sorpresa!

E quindi... buon viaggio!

Incantarsi alla mostra temporanea NaramiIncantarsi alla mostra temporanea Narami

* * * * *

Ho avuto la fortuna di condividere questa esperienza con i colleghi blogger di cui vi lascio il link ai loro racconti intrisi di emozioni tangibili

di quella giornata trascorsa a camminare fra fili di lana colorati.

Un sardo in giro
Damadelguilcier
Flanieren in Sardegna
Sardinia Mood - Travel Blog

* * * * * *

Grazie di cuore a Eager Srl - Heart of Sardinia per l'invito.

* * * * * *

Narami. Antologica del tappeto sardo
a cura di Baingio Cuccu

MuratS – Museo Unico Regionale Arte Tessile Sarda

Via Bologna – 09086 Samugheo

Tel/fax. 0783 631052


Dal 29/06/2019 Al 29/09/2019

Dal martedì alla domenica, festivi inclusi
Orario legale
09:30 – 13:00 /17:00 – 20:00
Orario solare
09:30 – 13:00 / 16:00 – 19:00

Biglietto intero: € 2,50
(ridotto: € 1,00 si applica alle scolaresche ed ai gruppi di almeno venti persone)

Le visite guidate sono comprese nel prezzo del biglietto.

Tags: oristano, cosedafareaoristano

0
0
0
s2sdefault