• Trekking
  • Escursione con le Ciaspole in Sardegna

Escursione con le Ciaspole in Sardegna

Durante il breve inverno in Sardegna abbiamo la possibilità, quando nevica, di vivere un’esperienza affascinante e divertente tra le creste innevate delle montagne più alte che ci fa sentire per un giorno Trentini: è la ciaspolata, una passeggiata sulla neve con ai piedi le ciaspole.

Le ciaspole o racchette da neve sono strumenti che si attaccano agli scarponi da montagna, ideali per fare escursionismo sulla neve poichè grazie alla loro struttura non fanno affondare il piede quando è fresca e non lo fanno scivolare quando è dura. Con le ciaspole pare quasi di galleggiare sopra il manto nevoso.

Si tratta di un’attività praticata sin dalla notte dei tempi per questioni logistiche che, in Italia, diviene qualcosa di ludico e divertente quarant’anni fa. E’ proprio in Trentino, nella Val di Non, che nel 1973, quello che era un normale modo di spostarsi a piedi durante le abbondanti nevicate, viene trasformato in un evento, in una manifestazione sportiva che ancora oggi si ripete: La Ciaspolada, la corsa con le ciaspole. Oggi è la più importante manifestazione popolare sulla neve di tutta Italia, abbraccia più di una ventina di nazioni, oltre ovviamente a tutte le regioni italiane, con il record di quasi settemila partecipanti e circa cento paesi che le hanno dedicato un servizio televisivo. E da qui è stato coniato il termine che approda anche in Sardegna e che arriva in un giorno qualunque a stuzzicare la nostra curiosità.

A distanza di due settimane dalla nevicata di gennaio che passerà alla storia, siamo partiti alla volta delle alte cime del Gennargentu, il massiccio montuoso situato nella zona centro-orientale dell’Isola, direzione Bruncu Spina, seconda punta più alta della Sardegna con i suoi 1.829 metri, per provare ad approfondire un aspetto della nostra Terra che non è poi così scontato: la montagna d'inverno (visto che da queste parti l'inverno sosta per poco!).

Ciaspolata in SardegnaCiaspolata in Sardegna

Noi ci siamo affidati alle guide esperte dell’ Associazione Polisportiva Monte Novu che, oltre ad averci fornito l’attrezzatura necessaria (ciaspole&bastoni), ci hanno accompagnato con la loro celebre impeccabile professionalità lungo uno dei versanti imbiancati del Gennargentu, garantendo il nostro divertimento nella più totale sicurezza. L’Associazione offre diversi percorsi, sia in giornata che in notturna con sosta nel rifugio, con gradi di difficoltà abbastanza bassi (la ciaspolata è per tutti), uno più spettacolare dell'altro e tutti da provare ciaspole ai piedi e… bambini al seguito! Sì, perché dai dieci anni in su possono partecipare anche loro (assicuriamo anche noi, Mamma & Marco).

L’escursione con le racchette da neve è un’esperienza un po’ goffa all’inizio e molto divertente una volta che si prende la mano, o meglio, il piede, da provare almeno una volta nella vita. E’ un’avventura silenziosa, un po' faticosa lo ammettiamo, non c'è fretta di arrivare ma c'è tanta sete di bellezza.

L'immensità della montagna, tra temperature rigide e panorami taciturni, regala un’avventura fatta di colori contrastanti: il bianco copre il verde dei boschi, ma il giallo delle foglie che ancora resistono sferza il bianco, mentre il blu del cielo illumina sprazzi di terra, muretti di pietra grigia che nascondono sorgenti naturali di acqua pura.

E' un'esperienza armoniosa tra noi e un ambiente avverso e ospitale allo stesso tempo, una manciata di ore che volano fra risate e qualche morbida caduta. La montagna ha quello strano potere di far sentire le persone di un grande gruppo di ciaspolata, incredibilmente isolate dal resto della comitiva, una per una. E' un po' una magia, quelle viste sconfinate rapiscono l'anima e ci si sente improvvisamente soli in grande sintonia con la natura, fatta di profumi intensi e rumori impercettibili, di meraviglia e di pace.

Ciaspolata sul Bruncu SpinaCiaspolata sul Bruncu Spina

Noi ci siamo divertiti un sacco a provare questa nuova esperienza nel ramo dell'escursionismo invernale e la consigliamo a tutti perchè non abbiamo trovato mezzo difetto: le ciaspole sono comode e seguono il movimento naturale del piede senza sforzi, inoltre camminando non si percepisce il freddo anzi, ci si riscalda e si bruciano calorie, stare in mezzo alla natura ristora le menti e placa i nervi sempre a mille a causa della vita frenetica e tutto il soffice bianco attorno risveglia in noi sentimenti infantili da troppo tempo archiviati e ci regala una piacevole serenità.

Insomma, non avete scuse per non provare una ciaspolata. E non tirate fuori il classico "non ho nulla da mettermi per andare sulla neve" perchè è un problema che vi risolviamo noi con qualche consiglio al volo. Innanzittutto è importante vestirsi a cipolla perchè camminando con le ciaspole si suda anche con 0 gradi. Quindi: maglia termica intima a maniche lunghe (trattiene il calore corporeo e fa traspirare la pelle), maglione in pile, giacca impermeabile e antivento (in alternativa un bomber con un k-way), pantaloni da sci (se si soffre il freddo) o pantaloni tecnici impermeabili da trekking, calze non di lana perchè il piede suderebbe troppo, cuffia, guanti idrorepellenti e, cosa più importante, scarponi da neve o da trekking impermeabili (no moon boots o doposci) possibilmente alti per proteggere la caviglia.

Ed ora che vi abbiamo dato mille validi motivi per non restare a casa la domenica... non ci resta che augurarvi buon divertimento ;)

Ciaspolata sul GennargentuCiaspolata sul Gennargentu

 *  *  *

Prenotate subito la vostra ciaspolata diurna o notturna con l'Associazione Polisportiva Monte Novu

(Ph. Paolo Mulas +39 3471736345 Ph. Antonello Nonne +39 3488544850 Email. Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.)

Tags: ciaspole, trekking

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Questo sito utilizza i cookies per facilitarne la navigazione ed il funzionamento. Utilizzandolo si accettano le modalità attuali.