FAQ | Viaggio di gruppo in Nepal | Risponde Abhimanyu Shrestha

Tutte le risposte a tutte le domande più frequenti sui due viaggi escursionistici di gruppo in Nepal previsti per ottobre 2021. Risponde Abhimanyu Shresta, la guida ambientale escursionistica himalayana che ci guiderà in questi due viaggi pazzeschi!

1) Quanti anni hai e dove vivi Abhimanyu? Sei uno Sherpa?

Ho 28 anni e sono nato e cresciuto a Kathmandu, capitale del Nepal, dove vivo tuttora.

Gli Sherpa sono una casta del Nepal. Il gruppo etnico Sherpa proviene dalla regione del Khumbu, alle pendici dell’Everest (ma originario delle province orientali del Tibet), la cui occupazione principale, una volta limitata alla pastorizia e all’agricoltura, è diventata, in seguito alle sempre più frequenti spedizioni alpinistiche nel territorio himalaiano, quella di portatori, di guide, e talvolta anche di organizzatori dell’accampamento. Non tutti gli Sherpa però lavorano nel settore dell'escursionismo, ad oggi tante altre etnie nepalesi si occupano di trekking e alpinismo proprio come gli Sherpa.

2) Come funziona la responsabilità civile verso terzi in Nepal? In Italia le guide ambientali escursionistiche pagano una polizza assicurativa che copre gli incidenti accaduti sia alla loro persona che agli accompagnati.

In Nepal è responsabilità delle agenzie che si occupano di escursionismo assicurare il proprio personale. Non esiste una pratica come l'assicurazione di terze parti nel trekking in Nepal. Gli ospiti, viaggiatori, turisti ed escursionisti, devono contrarre la propria assicurazione medica di viaggio nel proprio paese prima di arrivare in Nepal.

3) Qual è la preparazione fisica necessaria per l'Everest Base Camp Trek e il Gokyo Lake Trek? In Italia la scala di valutazione delle difficoltà escursionistiche espressa secondo le direttive del Club Alpino Italiano per quanto riguarda l’escursionismo è la seguente: T (turistico), E (escursionistico), EE (per escursionisti esperti), EEA (per escursionisti esperti con attrezzatura).

Stando alla scala italiana, i due viaggi escursionistici in Nepal li inseriamo nella E (escursionistico). Direi che una persona deve essere più mentalmente in forma che fisicamente per intraprendere queste due escursioni. Mi è capitato di avere in escursione degli escursionisti alle prime armi in entrambi i trekking e non hanno avuto problemi. E' chiaro che se si è già allenati, si parte avvantaggiati.

4) Come funziona il periodo di acclimatamento?

Durante il periodo di acclimatazione camminiamo intorno al posto dove alloggeremo. Saliamo in alto, guadagniamo quota, torniamo giù e dormiamo. La pratica di scalare in alto e dormire in basso aiuta ad acclimatarsi.

5) Ti è mai capitato durante le tue escursioni un escursionista che ha accusato i sintomi del Mal di Montagna (AMS o acute mountain sickness per gli anglosassoni)? 

Sì, mi è capitato qualche caso del genere. L'intervento dipende dalla gravità dell'AMS. Se è nella fase iniziale ci riposiamo alla stessa altitudine per un paio di giorni per acclimatarci. Se peggiora torniamo piano piano a quota più bassa. E se un trekker si ammala gravemente nel giro di poco tempo chiamiamo l'elicottero per riportarlo immediatamente a bassa quota e ricoverarlo in ospedale. 

Il mal di montagna è una patologia causata dal mancato adattamento dell’organismo alle alte quote. Può assumere forma più o meno grave e, se non trattata, può essere addirittura letale. A seconda dei soggetti, il mal di montagna può iniziare anche intorno ai 2.500 m, ma i sintomi preoccupanti abitualmente insorgono intorno ai 3.500 m. Va subito chiarito tuttavia, che non è tanto l’altitudine ad essere determinante, quanto invece la velocità con cui è stata raggiunta. Infatti questa malattia si manifesta più frequentemente nei giovani ben allenati, in quanto più inclini a scalare le montagne più rapidamente. (fonte: torrinomedica.it)

6) Se una persona non è mai stata in montagna, può ugualmente partecipare ai due viaggi escursionistici ai piedi dell'Everest a 5000 e 4000 metri di altitudine?

L'itinerario è adatto a qualsiasi escursionista. Ci sono abbastanza giorni per riposare e acclimatarsi. Chiunque può partecipare a questi due viaggi.

7) Come ci si veste per salire fino al campo base dell'Everest a più di 5000 metri?

Ecco la lista:

Testa - Cuffia, scaldacollo e occhiali da sole.

Parte superiore del corpo - T-shirt termica manica lunga, maglioncino/felpa in pile, giacca a vento e impermeabile, piumino, guanti antivento.

Parte inferiore del corpo - Pantaloni da trekking, impermeabili e antivento, pantaloni caldi da indossare quando si raggiunge la destinazione, scarponi da trekking e calze adatte

E' bene portare con sè i bastoncini da trekking, torcia frontale, pastiglie per depurazione dell'acqua, gli integratori di elettroliti, Paracetamolo e Acetazolamide (Diamox).

L'Acetazolamide è il farmaco più testato ed usato nella prevenzione e nella terapia del mal di montagna: non copre i sintomi, ma rappresenta un vero trattamento causale. Per la profilassi si utilizzano dai 125 ai 250 mg due volte al di, iniziando due o tre giorni prima e continuando per tre giorni dopo aver raggiunto la massima altitudine. Per quanto sia ormai dimostrata la sua efficacia sia come prevenzione che come terapia del mal di montagna, è sempre preferibile programmare una salita graduale senza l’assunzione di farmaco. Nella maggior parte delle scalate è possibile una salita lenta e si tende a scoraggiare la profilassi farmacologica, ma, sicuramente, se uno scalatore inizia a lamentare cefalea, nausea, o altri sintomi di AMS, l’acetazolamide è il farmaco appropriato, alla dose di 250 mg due volte al di per circa tre giorni. (fonte: torrinomedica.it)

8) Essendo un viaggio escursionistico zaino in spalla, quanto dovrà pesare al massimo lo zaino?

Il peso massimo consigliato dello zaino è di 8 kg. Il mio consiglio è quello di assumere un porter per trasportare gli zaini. Due persone possono condividere un portantino. In questo modo si può godere al meglio l'escursione senza alcun carico sulla schiena e, soprattutto, si può dare lavoro a tutte quelle persone che sono state disoccupate per mesi a causa della pandemia (e vivevano di questo).

Speriamo di aver risposto approfonditamente a tutte le domande e aver dato tutte le risposte ai dubbi che avevate. Se vi avanzano domande, scrivetemi pure a erykainviaggio@gmail.com. Abhi ed io siamo qui per questo: per portarvi in Nepal doubts-free ;)   

I POSTI DISPONIBILI SONO POCHI PER I DUE VIAGGI DI GRUPPO IN NEPAL PREVISTI PER OTTOBRE 2021. CHIUDEREMO LE ISCRIZIONI IL 10 SETTEMBRE PER AVERE IL TEMPO DI OTTENERE IL VISTO PREVENTIVO IN TEMPI UTILI PER LA PRIMA PARTENZA. 

Per maggiori informazioni e assicurarti subito il posto puoi leggere e compilare il form cliccando qui o puoi scrivermi per e-mail all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e sarò felice di portarti con me nel Paese che mi attende da un anno!

And here we go! Abhimanyu and I have answered the most frequently asked questions about the group trip to nepal scheduled for October. Happy reading!

1) Your age, where you live, someone ask me if you're Sherpa.

I am 28 years old. I was born and raised in Kathmandu.

Sherpa is a caste in Nepal. They are from Khumbu region which is also where Everest is located. Since they lived close to the mountains most people involved in mountaineering and trekking sectors are from the Sherpa community. Not every Sherpa is involved in tourism or mountaineering and not anyone who works with the mountains are Sherpas. Nowadays people from various ethnic groups have started working in the mountaineering and trekking sector.

2) In Italy, trek guides pay the insurance policy that covers all the activities that a Hiking Guide can do and also a insurance policy for personal civil liability, for unintentional damage caused to third parties, including "accompanied". How does it work in Nepal?

In Nepal it's the responsibility of the companies to insure their staff. There is no such practice as third party insurance in trekking. Guests are requested to get their own travel and rescue insurance before arriving in Nepal.

3) What is the physical commitment required for Everest Base Camp Trek and Gokyo Lake Trek?

Physical commitment required is E -hikers. I would say a person has to be more mentally fit than physically to do these treks. I have taken first time hikers to both of these treks without any problem. Some amount of regular exercise will help a lot.

5) How does period of acclimatization work?

During the period of acclimatization we hike around the place where we will be staying. We climb high, gain some altitudes and come back down and sleep. The practice of climb high and sleep low helps for acclimatization.  

6) Have you ever had a trekker with you who suffered from acute mountain sickness (AMS)?

Yes, I have had few such cases. It depends on the level of sickness a trekker is feeling. If it's in the beginning stage we rest at the same altitude for a couple of days to acclimatize. If it gets worse we get back down to the lower altitude. And if a trekker gets severly sick in a short period of time we do Helicopter rescue.

7) If a person has never been on high mountains, can he also participate in the Nepal journey?

The itinerary is made suitable for any level of trekkers. There are enough days to rest and get acclimatized. Anyone can participate in this trip.

8) What do you have to wear to get up to Everest base camp? And to Gokyo Lake?

Packing list:

Head

Beanie-1
Face and neck warmer-2
Cap-1
Sunglasses

Upper body

Full sleeve trekking t-shirt- 2 pcs
Warm trekking t-shirt- 1
Base layer-1
Wind and waterproof jacket-1
Down jacket-1
Fleece jacket-1
Windproof gloves-1

Lower body

Trekking pants-1
Wind and waterproof pants-1
Base layer
Warm trouser to wear when you reach your destination-1
Trekking boots
Slippers
Trekking Socks
Underpants

Extra items

Headlamps
Water purification pills
Paracetamol
Diamox
Electrolytes
Trekking poles

9) It's a backpack trek, how much should the backpack weigh to the maximum?

Recommended maximum backpack weight is 8kg. I would recommend hiring a porter to carry backpacks. Two people can share one Porter. This way you can enjoy the trek more without any load in your back and most importantly you will be creating jobs for the people who have been jobless for such a long time during this pandemic.  

If you still have questions or doubts about it, please write me an e-mail to Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (or click here).

See you soon Nepal :)

Tags: nepal, viaggidigruppo